funointransizione

non cambierai mai le cose combattendo la realtà esistente

Nutrirsi del Pianeta

Lascia un commento

 

22311_940122742688403_7312330097812033116_nMartedi 5 Maggio ci siamo incontrati alla Biblioteca di San Giorgio di Piano e abbiamo affrontato in modo critico i temi di Expo, passando dal motto “Nutrire il Pianeta”, ad un più significativo: “Nutrirsi del Pianeta”…

La location era intima ed in contemporanea era presente la mostra sul cibo e sulle botteghe locali, allestita dal gruppo “Nuove Visioni”… l’assessore alla Cultura del Comune, Mattia Zucchini, ha presentato la serata e in seguito si sono alternati i tre relatori: Francesca, Ingegnere ambientale e ricercatrice Enea, ma soprattutto transizionista di San Lazzaro, ha parlato di impronta ecologica, di ciclo di vita e di impronta idrica dei cibi, per saperne di più, in inglese si parla di “lifecycle assessment” e di “water footprint”… ci ha spiegato quali siano gli alimenti più “energivori”, gli stessi che richiedono maggiore consumo di acqua per la loro produzione… e ovviamente la carne rossa è sotto inchiesta, ma anche se una semplice tazzina di caffè o di thè non sono poi così “buone con l’ambiente” come si potrebbe pensare…Ci ha mostrato video molto simpatici, ad esempio “The story of your food”, la storia di una mela, semplice anche per un bambino,  infatti lei si occupa anche di interventi educativi nelle scuole.

11150991_10204220128411020_7919237189874346861_nSi è parlato ovviamente di rifiuti e di “isole di plastica” presenti nell’Oceano grandi come gli Stati Uniti… e ci ha fatto riflettere sui nostri stili di vita: l’impronta di un americano è di 9,5 ettari, quella di un italiano di 4 ma sorprendentemente quella ammissibile sarebbe di soli 2,2 ettari… dovremmo quindi porci domande sulle risorse che consumiamo e su chi stiamo “scaricando” rifiuti e veleni… sui paesi in via di sviluppo e soprattutto sulle generazioni future… l’ultimo video è davvero una chicca sul cambio di stili di vita, semplici accorgimenti che ognuno di noi può attuare… guardate “le mani del futuro”…

Il secondo relatore, Giovanni Dinelli, dottore in Agronomia e ricercatore, ci ha parlato dell’ultimo rapporto ISPRA sulla salute delle nostre acque e sulle sostanze xenobiotiche che purtroppo contiene, a causa di pesticidi, insetticidi, fertilizzanti chimici… insomma di cosa stiamo nutrendo noi e il pianeta?

11053511_10204220125210940_7031982317491259152_nCi ha parlato del progetto Virgo, sui grani antichi coltivati con metodi di agricoltura biologica/biodinamica, che sta attuando in collaborazione con il terzo relatore, il nostro amico Andrea Cenacchi, agricoltore biodinamico e mugnaio… che ci ha spiegato cosa significa la tripartizione sociale: fare il bene dell’economia del territorio e della comunità, sia per i controlli e sia per la qualità dei prodotti… e dei distretti di economia solidale… insomma se ci impegniamo ad acquistare le farine prodotte con grani antichi, macinate a pietra e riusciamo ad impastarle con il lievito madre o acquistare il pane da un fornaio locale che utilizza queste materie prime e i metodi di produzione di cui sopra, allora facciamo il bene della nostra salute: riduzione del processo infiammatorio (grazie alle sostanze probiotiche di questi grani) e ricche di nutrienti e vitamine che le farine raffinate hanno perduto… e anche il bene dell’ambiente (che forse tornerà a respirare aria e a nutrirsi di acqua pulita)… quindi “non pensate che le vostre scelte non facciano la differenza… la fanno!” e se lo diceva William James…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...