funointransizione

non cambierai mai le cose combattendo la realtà esistente

Alimentazione vegetale e integrale

00Mario Berveglieri, pediatra, codice regionale 21573

Medico-chirurgo. Specialista in a) pediatria (Univ. FE); b) scienza dell’alimentazione: orientamento nutrizione applicata (Univ. PD); c) idrologia medica (Univ. MI); d) biochimica e chimica clinica: orientamento diagnostico (Univ. MO); e) igiene e medicina preventiva: orientamento laboratorio (Univ. FE); f) igiene e medicina preventiva: orientamento sanità pubblica (Univ. BO); g) igiene e medicina preventiva: orientamento igiene e tecnica ospedaliera (Univ. BO). Master di I Livello in Alimentazione e Dietetica Vegetariana (Univ. AN). Medico esperto in nutrizione Kousmine abilitato AMIK. Perfezionamento in Dietetica e Dietoterapia (Univ. PD). Diplomato in a) omeopatia (CISDO BO); b) omotossicologia (AIOT MI); c) elettroagopuntura sec. Voll (AMIDEAV MI).

Ambulatorio: Cento (FE), via del Commercio, n.2, 44042, tel. 328-1623311, e-mail: marioberveglieri@yahoo.it

 

PIANO DIETETICO VEGETALE E INTEGRALE

 

Vengono riportate di seguito alcune indicazioni per un piano dietetico naturale equilibrato.

 

PREMESSE

 

Si sta verificando un crescente apprezzamento del mondo scientifico nei confronti dei benefici delle diete basate su cibi vegetali (plant-based diet), definite come diete che includono generose quantità di cibi vegetali e quantità molto limitate o anche assenti di cibi animali.

 

Il WCRF-World Cancer Research Fund  (Fondazione Mondiale per la Ricerca sul Cancro, 2007) raccomanda di:

  • “…basare l’alimentazione quotidiana prevalentemente su un’ampia varietà di cibi di provenienza vegetale: cereali non raffinati, legumi, verdure e frutta, mangiare cereali integrali e/o legumi ad ogni pasto, …
  • limitare consumo carni rosse ed evitare le carni conservate …
  • limitare i cibi ad alta densità calorica ed evitare bevande e cibi zuccherati…”.

Fonte:http://www.wcrf.org/ e http://eprints.ucl.ac.uk/4841/1/4841.pdf

 

L’American Cancer Society (Società dei Tumori Americana, 2002) raccomanda di scegliere la maggior parte dei cibi da fonti vegetali

Fonte:http://www.dietandcancerreport.org/expert_report/recommendations/recommendation_plant_foods.php).

 

L’American Heart Association (Associazione dei Cardiologi Americani, 2000) raccomanda di scegliere una dieta bilanciata che enfatizzi l’assunzione di verdura, cereali e frutta

Fonte:http://www.heart.org/HEARTORG/GettingHealthy/NutritionCenter/HealthyDietGoals/Healthy-Diet-Goals_UCM_310436_SubHomePage.jsp)

 

La Heart and Stroke Foundation of Canada (Fondazione per il Cuore e l’Ictus del Canada, 2001) raccomanda l’utilizzo di cereali e verdura al posto della carne come pietanza principale dei pasti. Fonte:http://www.heartandstroke.com/site/apps/nlnet/content2.aspx?c=ikIQLcMWJtE&b=4869055&ct=11767301

 

Le Unified Dietary Guidelines (Linee Guida Dietetiche Unificate, 1999) elaborate dalla American Cancer Society, dalla American Heart Association, dalla Academy of Nutrition and Dietetics (ex ADA – American Dietetic Association) dal National Institutes of Health, dalla American Academy of Pediatrics e dalla American Society for Clinical Nutrition raccomandano una dieta basata su una varietà di cibi vegetali, inclusi cereali, verdura e frutta e a basso contenuto di grassi, grassi saturi e colesterolo (cioè a basso contenuto di prodotti di origine animale), per ridurre il rischio delle principali malattie croniche

Fonte:http://circ.ahajournals.org/content/100/4/450.full.pdf).

 

NOTA SULLE DIETE VEGETARIANE E VEGANE

 

“POSITION” DELLA AMERICAN ACADEMY OF PEDIATRICS

Molti individui e gruppi di popolazione hanno praticato a lungo termine il vegetarismo e hanno mostrato ottima salute.

Diete a base vegetale integrate con latte o con latte e uova tendono ad essere nutrizionalmente simili a diete contenenti carne.

Il National Academy of Sciences Food and Nutrition Board ha sottolineato che anche i vegetariani puri (vegani) possono essere ben nutriti se selezionano la loro dieta con attenzione, per fornire sufficienti calorie, un buon equilibrio di aminoacidi essenziali e adeguate fonti di calcio, riboflavina, ferro, vitamina A, vitamina D, e vitamina B12.

Sono inoltre documentati alcuni benefici nutrizionali seguendo una dieta vegetariana ben equilibrata, come la rarità dell’obesità e una tendenza verso più bassi livelli di colesterolo.

Fonte: Pediatrics 1977; 59; 460-464

 

“POSITION” DELLA ACADEMY OF NUTRITION AND DIETETICS

E’ posizione dell’Academy of Nutrition and Dietetics (ex ADA – American Dietetic Association) che “… le diete vegetariane correttamente pianificate, comprese le diete vegetariane totali o vegane, sono salutari, adeguate dal punto di vista nutrizionale e possono conferire benefici per la salute nella prevenzione e nel trattamento di alcune patologie. Le diete vegetariane ben pianificate sono appropriate per individui in tutti gli stadi del ciclo vitale, inclusa gravidanza, allattamento, prima e seconda infanzia, adolescenza, e per gli atleti…”.

Fonte: Position of the dell’Academy of Nutrition and Dietetics: Vegetarian Diets. J Am Diet Assoc, 1997; 97:1317-1321. J Am Diet Assoc. 2003; 103:748-765  J Am Diet Assoc. 2009; 109: 1266-1282. Il sito dell’Academy of Nutrition and Dietetics è http://www.eatright.org/

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...