funointransizione

non cambierai mai le cose combattendo la realtà esistente

E la scuola?

SPAZI DI CAMBIAMENTO

 

Nella pianura a Nord di Bologna, si cercano persone interessate alla creazione di un gruppo d’ acquisto di uno spazio dove svolgere e sperimentare pratiche di “cambiamento”.

Si tratta dell’ acquisto condiviso di un’ area (ancora da individuare!) nella quale inserire un paio di strutture circondate da uno spazio agricolo.

Il progetto prevede tre spazi fondamentali in comunicazione e relazione tra loro:

-una grande cucina laboratorio,

-uno spazio per progetti educativi per l’ infanzia (scuolina parentale),

-uno spazio orto, coltivato sperimentando i principi della permacultura.

Oltre a questo si potrebbe pensare ad uno spazio multifunzionale in aggiunta.

 

Questo progetto vuole dare vita a un luogo in cui educazione e apprendimento,  benessere psico- fisico, contatto con la natura e  relazione con il territorio, non siano elementi scissi ed in competizione ma armoniosamente integrati.

 

All’ interno di questo contesto i singoli partecipanti potranno svolgere proprie attività individuali (con partita iva o associazione) inerenti a temi di ecologia, sostenibilità, saper fare, decrescita, autoproduzione, permacultura, alimentazione naturale, benessere, educazione, efficienza energetica, bioedilizia, artigianato, riciclo, transizione…

Questo spazio, quindi, potrà fare da base per lo sviluppo di attività professionali individuali etiche, ma contemporaneamente potrà anche dar vita ad una rete di relazioni e di intreccio di competenze, che potranno portare ad un arricchimento personale ed un contributo sociale.

 

Parallelamente alle attività professionali individuali sono previste una serie di attività o azioni dell’ associazione (affitto locali, vendita prodotti agricoli, laboratori, formazione…) volte alla creazione di una piccola rendita da reinvestire nell’ ampliamento del progetto stesso e/o nel sostentamento di alcune attività di interesse sociale che non producono reddito e che non si possono totalmente autofinanziare.

Una di queste attività sarà una piccola scuolina di comunità fondata su quelli che DOVREBBERO essere i principi pedagogici della scuola pubblica…: apertura, laicità, apprendimento basato sull’ esperienza,  rispetto della specificità di ogni bambino, valorizzazione dei talenti, relativismo culturale, stimolazione del pensiero indipendente e della capacità critica ed una didattica di qualità.

 

Si cercano quindi persone con differenti competenze ed esperienze desiderose di sperimentarsi in una nuova dimensione professionale e personale: educatori ed insegnanti innamorati del proprio lavoro e che credono nell’ istruzione pubblica ma coscienti delle criticità dei sistemi educativi correnti, educatori ambientali, esperti di cucina naturale – integrale – kousminiana, esperti di permacultura e GAS, esperti di energie rinnovabili e riciclo, esperti in autoproduzione ed autocostruzione, esperti in bioedilizia e case in paglia, esperti di benessere naturale, artigiani, artisti, persone interessate ai temi della transizione e della decrescita.


Io sono Emanuela, insegnante ed educatrice professionale specializzata in disturbi pervasivi dello sviluppo.

Se questo progetto ti incuriosisce, se vuoi collaborare o se hai qualche suggerimento compila il modulo qui sotto.